Ennesimo "nuovo caso CUFOM", ennesima figuraccia

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

 

Dopo qualche mese di silenzio ed apparente calma piatta, il Centro Ufologico Mediterraneo (CUFOM) si ripresenta nell'omonimo sito con un nuovo presunto caso di avvistamento UFO (copia backup) registrato il 3 settembre 2013 sui cieli di Deruta, in provincia di Perugia, il cui anonimo testimone ha rilasciato queste informazioni: "Ho ripreso alcuni oggetti volanti non identificati a Deruta/Castelleone. Nella zona passano gli aerei in quanto vi l’appunto vi sono delle rotte. Ma questi oggetti sono particolarmente strani, perchè due di essi sono stazionari in cielo e sembra che mantengono sempre la stessa distanza. Forse quello in alto cioè il terzo è un aereo? Gradirei sapere cosa ho fotografato e ripreso con il video. Vi mando tutto. Vi saluto e vi ringrazio. Vi seguo sempre". Il veloce approfondimento del "non caso" spiega in modo disarmante l'esatta natura degli oggetti luminosi filmati su Perugia, ma stavolta si è andato anche oltre con un epilogo che consegna il centro beneventano nella sala  che più gli si addice, quella della vergogna.

Quelli che seguono sono un paio di fotogrammi editati dal CUFOM, prelevati dal filmato in loro possesso, che mostrerebbero, a dire degli "esperti", degli oggetti volanti non identificati che si stagliano nel cielo di Deruta intorno le 19.30 del 3 settembre 2013, durante uno splendido tramonto:

Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10

 

Senza perderci in fronzoli, tutti gli oggetti luminosi inquadrati dall'anonimo testimone sono aerei di linea che rilasciano scie di condensazione (contrail). La prospettiva forzata ed i colori del tramonto rendono l'osservazione suggestiva, facendo percepire gli oggetti come immobili nel cielo e come corpi infuocati che vengono spesso scambiati per meteore, bolidi o space junk (spazzatura spaziale) che impatta con l'atmosfera terrestre. Niente di più sbagliato.

 

Per dare un'idea sul particolare effetto che generano le contrail durante il tramonto, propongo un paio di filmati efficaci:

 

E cosa si è inventato il CUFOM di fronte alle evidenze che il filmato in loro possesso mostrava? Riporto le parti più divertenti perchè, nonostante questi "esperti" avessero per un istante toccato la spiegazione degli aerei, hanno sfornato un'enciclica colma di banalità ed utile solo per allungare il brodo:

 

Alcuni mesi or sono, scusate il tempo trascorso ma abbiamo avuto bisogno di diverse verifiche [...]

 

Stento a crederci. Oltre un anno di verifiche per leggere quel che alla fine si palesa come una cazzata?

 

Da alcune nostre riunioni e studi individuali abbiamo ricavato quanto segue. Un grazie particolare per il grosso impegno profuso al nostro Presidente Angelo Carannante, Angelo Maggioni socio del C.UFO.M. Liguria Sezione di Savona, Stefano Cicconi socio C.UFO.M. Marche Sezione Ascoli Piceno, Venturelli Stefano socio C.UFO.M. Lombardia Sezione Brescia, ma anche a tutti gli altri soci indistintamente che hanno collaborato alle indagini.

 

Addirittura? Delle riunioni per pubblicare questa cazzata? Sul punto evidenziato ci arriverò alla fine dell'articolo.

 

Visionando il video in questione possiamo giungere a qualche conclusione logica di esclusione di alcune ipotesi. Così escludiamo dei volatili ma non c’era nemmeno bisogno di puntualizzarlo e per ovvi motivi di incompatibilità sia della forma che colore.

 

Appunto,  non ce n'era bisogno. Questi signori nemmeno ascoltano la loro coscienza che li richiama al buon senso.

 

Impossibile al momento stabilire la forma esatta dei due oggetti che sembrerebbero sferici, probabilmente luminosi tra il bianco e arancione. Di converso, per tutta la durata del video, si osserva un vistoso allontanamento dal terzo oggetto (per intenderci quello più in altro) che possiamo ragionevolmente identificare come un velivolo umano quasi certamente un aereo.

 

Geni incompresi. Riescono (quasi) a identificare correttamente uno dei tre oggetti (un aereo), ma gli altri due che si presentano nello stesso modo, sebbene percorrano altre rotte ed osservabili con altra prospettiva, restano per loro di difficile comprensione.

 

Sempre con molta cautela forse possiamo escludere l’ipotesi droni in quanto la distanza della ripresa non permetterebbe di vederli, anche se sappiamo che oggi ve ne sono grosse dimensioni.

 

Precisazione davvero superflua, serve solo a rendere la pappardella apparentemente gustosa.

 

Sia chiaro: non escludiamo ipotesi convenzionali. Stelle o pianeti non sembrano configurabili, ma non ci sentiamo di escludere del tutto che i due oggetti stazionari siano in realtà degli aerei che magari volavano in formazione di due e questo spiegherebbe la distanza.

 

Gli oggetti non sono stazionari, ma in allontanamento dal punto di osservazione. E' solo la prospettiva che li fa apparire tali. Ma se nelle sue conclusioni anche il CUFOM ipotizza gli aerei, perchè ha ritenuto utile pubblicare un articolo che si presenta inutile, ambiguo e non approfondisce alcun caso insolito?

 

[...] ma come la mettiamo con il fatto che in pratica per una decina di minuti gli oggetti si mostrano sempre della stessa grandezza? Se fossero stati due aerei un certo spostamento e anche cambiamento di dimensioni si sarebbero pur dovuti notare.Allo stato per noi restano due oggetti volanti non identificati fino a prova contraria.

 

Conclusione ridicola. Non si spiega quale prova contraria avrebbe bisogno il CUFOM, sopratutto quando il sig. Stefano Venturelli, da loro citato nella prima versione dell'articolo (citazione ora rimossa dal CUFOM) ha ritenuto necessario fare le seguenti precisazioni intervenemdo sia nella pagina facebook del centro beneventano, sia nella pagina facebook del presente blog dove ho segnalato questa nuova bufala:

Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10

 

E' davvero imbarazzante. Ha ragione il sig. Venturelli a sottolinearlo nel suo intervento con il quale si dissocia dalle corbellerie scritte nel "nuovo caso" e da cui si apprende che il CUFOM non solo era a conoscenza, fin dal principio, che la spiegazione "aerei" fosse la più ovvia e quotata, ma avrebbe palesato la presenza di una loro sezione affiliata su Brescia che risultarebbe inesistente. E difatti, come ha reagito il CUFOM di fronte alle rimostranze del loro ex socio? Vediamolo:

Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10

 

E' stato cancellato, senza fornire alcuna spiegazione nè precisazione sull'effettiva natura degli oggetti registrati nel settembre 2013 su Deruta. Complimenti per la figuraccia! E la legittima richiesta del sig. Venturelli di non essere accostato a questo imbarazzante caso? Vediamo...

Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10

Richiesta quindi esaudita. Il nome dell'ex socio è scomparso così come è sparita la loro presunta sezione affialiata di Brescia. Poi ci si sorprende se i centri più divertenti dell'ufologia italiana (CUFOM e Segnidalcielo) vengono ridicolizzati attraverso l'utilizzo dei loro migliori strumenti di indagine.

Aggiornamento 24.10.2014


Attraverso il profilo facebook della sig.ra Natascia Cortesi si apprende che anche la stessa, in qualità di (ex) socio del CUFOM, abbandona - dopo il sig. Venturelli - ogni tipo di collaborazione verso il citato centro ufologico beneventano:

Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10
Immagine degradata ai fini educativi e per utilizzo senza scopo di lucro, secondo la Convenzione di Berna, art.10

Aggiornamento 27.10.2014


Un tempo di chiamavano Le Comiche, oggi si chiama CUFOM. Il centro beneventano manda in missione suicida un altro socio che, con la pubblicazione di un articolo demenziale, tenta di dare una difesa alla sequela di errori emersi nel presente articolo. La mia ulteriore replica qui.

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    Gianni (venerdì, 24 ottobre 2014 12:43)

    Davvero ridicoli che vergogna.

  • #2

    Babolin Renato (domenica, 26 ottobre 2014 13:23)

    Queste figuracce, buone solo per intrattenere la gente con divertenti facezie, sono provocate dal semplice, voler credere a tutti i costi, anche a costo di risultare ridicoli. Forse il mondo è visitato dagli Alieni, forse no. Ma di certo se queste sono le prove "Inconfutabili", e se questi sono i "ricercatori" che sondano i cieli ... Non sò voi, io una volta credevo in questa possibilità, ma grazie a questi "ricercatori", mi sono convinto che l'ipotesi Alieni sulla terra, sia alquanto improvabile, e improbabile. Questa è la mia opinione, che comunque è e resta una opinione. Che la Forza, sia con tutti voi!

  • #3

    Stefano (lunedì, 27 ottobre 2014 10:19)

    Dicesi cacca ufologica...