Nebraska (USA): lo strano UFO del meteorologo in diretta tv

Ha suscitato non poca curiosità il presunto avvistamento UFO di cui è stato protagonista il meteorologo Sean McMullen durante la sua diretta tv del 4 settembre 2013, attraverso le telecamere del network KLKN HD Towercam 8 appartenente al canale abc, che inquadravano i cieli della città di Lincoln, nel Nebraska (USA). Il tutto è avvenuto poco prima delle 6:00 del mattino durante la presentazione delle previsioni meteo, quando un oggetto luminoso veniva notato dal presentatore che non è stato in grado di fornire una spiegazione plausibile sulla sua origine. Di cosa si è potuto trattare? Una possibile spiegazione ci sarebbe.

Quella che segue è la breve clip tratta dalla diretta tv in cui il meteorologo Sean McMuller presentava il consueto programma delle previsioni sul Nebraska. Durante il filmato viene inquadrato un oggetto luminoso che, una volta zumato, risulterebbe assumere la forma di un diamente scintillante con una esposizione di diversi colori cangianti:

A seguire alcuni fotogrammi che evidenziano l'alternanza di colori cangianti offerta dal presunto UFO:

Due differenti configurazioni del presunto UFO catturato sopra Lincoln
Due differenti configurazioni del presunto UFO catturato sopra Lincoln

Come raccontato in una breve intervista rilasciata alla KLKN, McMullen ha preferito non sbilanciarsi sulla natura dell'oggetto dichiarando di non sapere cosa fosse. L'unico dato certo è che l'osservazione del presunto UFO è durata 45 minuti, fino a quando non è sparito all'alba.

 

Personalmente considero davvero insolito il fatto che un meteorologo non sia stato in grado di riconoscere ciò che rientra, a mio avviso, nella spiegazione più plausibile (lo vedremo di seguito) sulla base sia di alcuni particolari emersi dal filmato sia su quelle che dovrebbero essere le minime conoscenze in ambito astronomico ed ottico. Partiamo quindi da un elemento certo: l'oggetto luminoso a forma di diamante è invece un oggetto puntiforme eccessivamente zumato, e lo si apprende da questo passaggio che ho elaborato in una gif-movie:

Momento in cui l'inquadratura sull'oggetto si allarga
Momento in cui l'inquadratura sull'oggetto si allarga

Un oggetto puntiforme (come una stella?), che si staglia nel buio che anticipa l'alba su Lincoln:

Bisogna concludere, pertanto, che la "forma a diamante" del presunto UFO sia semplicemente dovuta al fattore di zoom impiegato, alla modalità di messa a fuoco in automatico oltre che alla forma del diaframma della videocamera utilizzata per la ripresa, come spiegò tempo fa il blogger Photobuster in questo suo articolo. La seguente illustrazione rende meglio l'idea di quanto appena spiegato:

E' solo la forma del diaframma a generare il famigerato "diamond ufo"
E' solo la forma del diaframma a generare il famigerato "diamond ufo"

Ne consegue che anche una stella inquadrata con le modalità sopra indicate può facilmente apparire in una forma insolita.

E cosa genererebbe i colori cangianti osservati durante lo zoom? Partiamo da un primo filmato esemplificativo: una stella inquadrata da un astrofilo, attraverso un telescopio, che si mostra in un modo davvero suggestivo:

Propongo un ulteriore esempio, molto significativo, di un caso italiano (Bussero, prov. Milano) risalente al gennaio 2012 in cui un occasionale osservatore del cielo registrò uno strano oggetto luminoso multicolore, pressoché fisso nel cielo, tanto da richiamare l'attenzione di Striscia la Notizia che mandò in onda il servizio (link diretto al sito). Fate attenzione soprattutto all'intervento finale dell'astrofisico dell'INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) dott. Stefano Sandrelli.

A questo punto le idee su cosa potrebbe essere l'oggetto luminoso non ricosciuto dal meteorologo (stento davvero a crederci) cominciano ad essere chiare. Propongo ancora un altro paio di esempi molto eloquenti rientranti nel fenomeno della scintillazione astronomica, ovvero tutta quella serie di variazioni che interessano esclusivamente l'illuminanza di stelle e pianeti posti all'esterno dell'atmosfera terrestre: galleria video da youtube - galleria video da Google.

 

Osservate ora come si mostra la stella Sirio attraverso il fenomeno del seeing, cioè il modo in cui l'atmosfera terrestre perturba l'immagine dei corpi celesti osservati.

Riassumendo: a seconda dell'altezza di un astro sull'orizzonte e di come la sua luce venga filtrata dagli strati di turbolenza e dal contenuto di umidità dell'atmosfera terrestre, l'astro può mostrarsi con una luminosità variabile e con diversi colori.

 

A questo punto non resta che simulare con il planetario virtuale Stellarium quale stella o pianeta era visibile poco prima delle 6:00 del mattino (le 13:00 in Italia) sui cieli di Lincoln per poi svanire 45 minuti dopo, al sorgere del Sole.

Simulazione effettuata dalle ore 05:50 alle ore 06:55 di Lincoln (dalle ore 12:50 alle ore 13:55 italiane)
Simulazione effettuata dalle ore 05:50 alle ore 06:55 di Lincoln (dalle ore 12:50 alle ore 13:55 italiane)

La stella Sirio, guarda caso, risultava perfettamente visibile all'orario compatibile con l'osservazione del presunto UFO testimoniato in diretta tv dal meteorologo Sean McMullen, al quale sarebbe il caso di consigliare - qualora tale ipotesi fosse confermata - un corso accelerato di astronomia base, dando per scontato che capisca almeno di meteorologia.

Scrivi commento

Commenti: 0