Svelate le vere origini del falso UFO di George Adamski

Qualunque appassionato o semplice curioso del fenomeno UFO e delle sue origini si sarà certamente imbattuto nella celebre foto del disco volante venusiano fotografato dal noto contattista George Adamski il 13 dicembre 1952.

Che tale foto ritragga un falso oggetto volante non identificato è una verità accertata da diversi anni, tant'è che sono disponibili in rete alcuni approfondimenti che spiegano in che modo Adamski avrebbe realizzato i suoi falsi, grazie agli articoli del debunker Tim Printy, del dott. Domenico Pasquariello (CEIFAN) e visionando questo video. Sulla tecnica messa in atto dal contattista per costruire il falso UFO venusiano, in tanti si sono espressi per capire che tipo di materiale di "uso domestico" avesse usato senza però riuscire a identificarlo correttamente. Qualche giorno fa il CISU ha reso pubbliche alcune foto, attraverso uno dei suoi profili facebook, che permettono di risalire alle origini del modellino realizzato da Adamski. A seguire il contributo fotografico.

Che gli UFO di Adamski abbiano rappresentano una costante icona nell'immaginario collettivo di chi si è avvicinato al fenomeno, è un fatto innegabile. Basterebbe osservare come l'astronave venusiana sia stata una primaria fonte di ispirazione per diversi autori che hanno dovuto rappresentare gli UFO nel cinema, nei cartoni animati e nei giocattoli di un tempo.

Oggi, a distanza di oltre sessant'anni, lo shape (la forma) dell'ufo di Adamski fa davvero sorridere in termini di presunta tecnologia aliena, giustificata dal fatto che all'epoca i falsi si potevano produrre con quello che era il materiale disponibile un tempo, in mancanza quindi dell'attuale computer grafica (CGI) e del fotoritocco che consentono di diffondere con estrema facilità foto e filmati di avvistasmenti UFO abbastanza credibili ad una prima occhiata.

 

Ma che cosa usò realmente George Adamski per costruire la sua astronave venusiana? Lo ha rivelato il CISU che attraverso uno dei suoi profili facebook (Cisu Viterbo) ha condiviso questa interessante immagine:

Image Credits: Cisu Viterbo
Image Credits: Cisu Viterbo

Come è possibile constatare, si tratta di vecchie lampade americane a petrolio di fine anni trenta le cui caratteristiche (modello, peso, funzionamento) sono disponibili presso il sito The Terrence Marsh Lantern Gallery. A queste foto, oggi facilmente reperibili grazie alla rete Internet, si giunge attraverso il lavoro di ricerca sviluppato dall'ufologo americano Joel Carpenter, recentemente scoparso lo scorso marzo. Lo ha infatti precisato Gian Paolo Grassino del CISU in suo post (che riporto di seguito) lasciato nel gruppo CISU Viterbo:

 

«Giusto per informazione, queste immagini sono il frutto di un bel lavoro dell'ufologo Joel Carpenter (purtroppo scomparso recentemente) ed è stato reso possibile dall'aver accesso alle informazioni sulle lampade che OGGi sono facilmente recuperabili grazie ad Internet.»

 

Approfondendo ulteriormente l'origine di queste foto, emerge che anche altrove qualcuno era finalmente risalito al coprilampada camuffato, come sul forum di Above Top Secret dove anche qui viene precisato l'ottimo lavoro svolto da Carpenter; come su Flickr in cui - ancora prima di Above Top Secret - il ricercatore francese André Gunthert ha pubblicato nella sua galleria fotografica la seguente illustrazione:

Image Credits: André Gunthert (ringrazio l'utente del forum Ufoonline "Universalman" per la segnalazione)
Image Credits: André Gunthert (ringrazio l'utente del forum Ufoonline "Universalman" per la segnalazione)

Dopo queste ulteriori evidenze, chi potrà ancora sostenere che Adamski fu un contattista credibile? E non mi si venga a dire che magari all'inizio sarà stato sincero, forse qualcosa avrà pur visto. Poi, preso dall'entusiasmo e dal clamore, avrà ceduto alla tentazione di caldeggiare la sua causa creando questi falsi. Sarebbe una presa per i fondelli superiore al coprilampada camuffato.

Scrivi commento

Commenti: 15
  • #1

    Quozza (sabato, 31 maggio 2014 12:14)

    trattasi della lampada "Kippüktiv" della IKEA.

  • #2

    SALVO (domenica, 01 giugno 2014 00:22)

    IKEA è ORMAI OVUNQUE!!!

  • #3

    Marco (martedì, 24 giugno 2014 22:35)

    Si, ma non si spiega il perchè venne sepolto nel Cimitero degli Eroi, accanto a figure come come J.F.Kennedy...

  • #4

    salvo barbara (venerdì, 19 settembre 2014 13:54)

    Ma che cavolate scrivono!!!!! chi si permette di mettere in dubbio la veridicita del padre dell'Ufologia,
    vergognatevi..... quello che adamsky era scritto nel suo nome adam sugnifica terra, sky significa cielo, lui era il ponte fra cielo e terra, ma come vi permettete di sminuire un grande che adesso è sepolto nel cimitero degli eroi in america se la forma del disco domiglia ad una lanterna o alla cupola di sal pietro o della casa bianca un motico correlante c'e di sicuro....... vergogna ignoranti smettetela di scrivere cazzate

  • #5

    UFO of Interest (venerdì, 19 settembre 2014 16:06)

    @salvo barbara,

    pubblico il tuo commento perchè confesso che mi ha fatto davvero ridere, non tanto per la tua opinione sul caso in questione e sul (falso) contattista ma per aver ribattezzato Adamski (con la "i" finale) in Adamsky dalle cui lettere hai ricavato quell'origine anagrafica che, visto il tuo madornale errore, è inesistente.

    Evidentemente l'altro "Adam", quello della tv, ti ha confuso le idee.
    Ringraziandoti per aver visitato il blog, resto col dubbio che la tua sia stata solo una trollata.

  • #6

    salvo barbara (lunedì, 22 settembre 2014 22:27)

    i o y poco cambia, è un similare che non cambia assolutamente lo stato del significsto, fratello io non so chi tu sia ma non dimenticare che neanche tu sai chi sono IO e chi rappresento sulla terra
    c'è un detto che dice: ... ride bene chi ride per ultimo
    stai attento a cosa dici e a cosa fai, cerca di non cambiare le carte in tavola perché potrebbe essere peggio per te, stai bene attento, perché la verita prima o poi vince sempre, usa la logica ma stai attento perché quello che dici non ha fondamento alcuno,

  • #7

    solymar (domenica, 19 ottobre 2014 00:20)

    Nenche il Cicap e' arrivato a simili deliri..ah..il famigerato cisu...
    dei poveri negletti che bivaccano nel perenne anonjmato...
    poveretti...diteci se possiam esser utili....

  • #8

    Angelo (domenica, 19 aprile 2015)

    Al servizio dell'ombra! Maledetto ignorante!! Chiudi questo sito farlocco!!!

  • #9

    Giovanni (lunedì, 30 maggio 2016 01:17)

    ....ma vi rendete conto che una simile balla publicizzata ai tempi nostri..con le attuali tecnologie , non riuscirebbe manco a far sorridere un ignorante....all epoca leggevo le pubblicazioni di adamsky....mi appassionavano..ma ero bambino...poi sono entrato in aeronautica...be ora a rivedere quelle immagini...le previsioni stile fatima..i venusiani simili a noi...i video della presunta atronave sorretta da un campo magnetico alquanto instabile...meno di un drone attuale da 10 euro cinese..be penso ..che ero propio bambino a crederci

  • #10

    antonio barrella pignatelli (giovedì, 29 settembre 2016 12:26)

    come coprilampade son belle...ah che bravi!!!!complimenti..

  • #11

    ENRICO (martedì, 08 novembre 2016 12:08)

    invece di bypassare la domanda spiega oche' ADAMSKY d' SEPOLTO NEL CIMITERO DEGLI EROI...fatti qualche domanda sulle molteplici possibilità' DI COVER UP CHE CI POSSONO ESSERE STATE...i filmati CHE aramaico ha fatto sono notevoli e a quell epoca difficilmente contraffattibili... E I VALIDI TESTIMONI, COME LA SIGNORA, CHE TROVI IL FILMATO IN RETE, CHE S E' VISTA LA " CAMPANA " SOSPESA A POCHI METRI DAL SUO GIARDINO, MENTRE ADAMSKI ERA A CASA SUA...ho, POI SEI LIBERISSIMO DI CONTINUARE A DORMIRE, LA VEGLIA NON E' X TUTTI... Da meno sicurezza.... CHE RIDERE...!

  • #12

    Cricchio (domenica, 05 febbraio 2017 20:19)

    Secondo me i Venusiani con i loro mega telescopi si sono ispirati ai copri lampade.

  • #13

    Henry (lunedì, 14 agosto 2017 01:19)

    Non vi è venuto in mente che ci potrebbe essere lo zampino dei servizi segreti che spesso lo minacciavano? Si sa che ci sono delle forze che pur di nascondere queste verità farebbero di tutto attraverso manipolazioni e minacce anche mortali soprattutto in quel periodo.

  • #14

    gibb (venerdì, 06 ottobre 2017 10:51)

    Adamski è sepolto ad arlington, un cimitero militare (non "il cimitero degli eroi"), vicino a militari comuni come lui https://www.findagrave.com/cgi-bin/fg.cgi?page=pv&GRid=8789255&PIpi=71375633
    Chiunque abbia fatto parte dell'esercito può essere seppellito lì.

    Henry: "Si sa" anche che esiste un gran numero di persone disposte a sostenere qualsiasi fregnaccia pur di diventare "famosi" e fare qualche soldo.

  • #15

    luciano (domenica, 08 ottobre 2017 14:10)

    non entro nel merito del fatto che sia stata una fake o no ma solo voglio far notare che OGGI,dato un quasiasi oggetto ,siamo in grado di realizzare un modellino perfettamente uguale.quindi non è detto che adamski si sia servito di quelle parti per fare la foto....oggi è possibile,ma allora? la perfezione della foto fa pensare, all'epoca esistevano solo fotomontaggi con forbice e mascherina difficle ottenere simili risultati,anche se non impossibile. troppe volte ho visto pasasare per fake foto vere i cui soggetti ho visto di persona. Gli sfatatori godono dello stesso successo dei millantatori ,per cui non fidatevi di NESSUNO