Il 'cilindro alieno' filmato dalla ISS durante una diretta NASA

Per questi filmati pubblicati su YouTube dai soliti lestofanti, come il sedicente ricercatore Scott C. Waring, non perdo molto tempo né pubblico specifici articoli utili a smascherare l'ennesima bufala ufologica partorita da chi ama prendere in giro gli appassionati del fenomeno UFO. Mi limito spesso a smentirli con un veloce tweet (qui e qui) o un post su Facebook per lasciare una traccia evidente delle loro malefatte.

Tuttavia, considerato che l'ultimo video di Waring ha superato (in questo momento in cui scrivo l'articolo) le 160.000 visualizzazioni e che il "cilindro alieno" presentato dallo stesso cospiratore è stato viralizzato ovunque, dai rituali tabloid inglesi fino a trovare spazio in un articolo pubblicato da Il Giornale (copia archiviata), è il caso di fare definitivamente chiarezza spiegando perché quell'oggetto ritenuto sconosciuto, alieno, tale non è e per quale motivo la visibilità offerta dai media a Scott C. Waring è davvero imbarazzante, incomprensibile, immeritata, scandalosa.

Il video di Waring è stato pubblicato lo scorso 19 aprile e, come potete osservare dallo screenshot posto qui a lato (preferisco non includere il filmato), ha ottenuto centinaia di migliaia di visualizzazioni in pochi giorni, grazie soprattutto al notevole clickbaiting gentilmente offerto dai tabloid inglesi (The Sun e Mirror in particolare) e da Fox News che ha rilanciato ed amplificato lo stesso articolo del Sun. Secondo Waring, ambiguo personaggio già noto per aver pubblicato ogni possibile cazzata aliena, uno strano oggetto volante di forma cilindrica sarebbe stato catturato dalle telecamere della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) durante una delle tante dirette fornite dal canale NASA Live ISS Stream. Seguendo lo stesso trend truffaldino dove gli hoaxer  che mai si preoccupano di fornire il link al video originale, anche Waring "se ne dimentica", lasciando ai suoi lettori la libertà di fare ogni ipotesi sulla natura del filmato: è davvero un UFO? Un fake elaborato in CGI? Spazzatura spaziale? Un riflesso?

 

La risposta arriva recuperando personalmente, anche con un po' di fortuna, il video originale da cui il maldestro blogger ha tratto spunto per creare questa ennesima bufala. Si tratta senza ombra di dubbio di un lens flare (un riflesso) che si presenta almeno quattro volte in due differenti filmati, sempre nella medesima posizione, poco dopo l'alba orbitale effettuata dalla Stazione Spaziale, come da seguenti immagini:

I riflessi, spacciati per un bizzarro UFO cilindrico, possono essere facilmente osservati in questo video del 16 aprile 2017 e non 19 aprile come dichiarato da Waring (dal min. 01:05:30; dal min. 02:38:00) e in questo (dal min. 01:10:40; dal min. 02:43:00). Per rendere più chiara tale evidenza ho pubblicato, qualche giorno fa, un breve filmato sul mio canale YouTube che aiuti a fare chiarezza e tenere memoria di questa cazzata:

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Pierpaolo (lunedì, 01 maggio 2017 21:01)

    Grazie del chiarimento, ma cosa ci guadagnano a inventarsi queste storie? Solo visibilità?

  • #2

    Gaetano (martedì, 02 maggio 2017 22:51)

    Pierpaolo dipende da chi promuove la bufala, se è un profilo collegato a blog e account youtube ke monetizzano allora non è solo visibilità ma anche profitto, che è assai peggio in quanto mentono xke' spinti dal denaro.